Capitolo 4

OGNI ERRORE VIENE DALL’ERRORE INIZIALE - NOI NEL CORPO - L’INGANNO, LA TENTAZIONE - PERVERTITI DA CHI? – IL II PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA - SANTIFICAZIONE - MARIA VERGINE MADRE E FIGLIA DI DIO -

Volendo riassumere:
-Ricordiamo prima che il corpo che abbiamo è a motivo del “peccato di origine”. Vedremo meglio in seguito come definire tale termine “antico”, non chiaro e non espressivo.
-Il corpo è formato dalle vite delle creature che mangiamo e queste vengono dalla terra e questa è appartenuta prima di loro ad altri ed ora a noi, il nostro corpo può essere definito come “la terra che abbiamo avuto in eredità”, ma questo non è il “peccato originale”, è una delle tante conseguenze.
Ben ha ragione la Chiesa che in virtù dello Spirito Santo afferma che il “peccato originale” e la causa e l’origine di tutti i peccati...
-Gesù ci da un vero Corpo ed un vero Sangue, perché? Egli è la Vita, la Luce di Dio, Dio che viene a Salvare coloro che non disprezzano coscientemente il dono stesso della Vita, coloro che non rinnegano quindi i suoi insegnamenti...
-In tutto quanto Egli ha espresso non vi è contraddizione con la vita e, quindi, non vi è alcun errore, questo meraviglia e spaventa tutti, anche gli atei, o almeno coloro che credono, pensano, di essere atei.
-La schiavitù viene dall'inganno trovandosi la Vita immersa, abbrancata, connessa, interfacciata con la struttura dell'anima che sviluppata e specializzata dà la possibilità allo Spirito di Vita di manifestarsi, di agire, di comunicare con il mondo attraverso il corpo.
-Questa “anima” si presenta come formata da tante creature che prendendo dallo Spirito, eseguono in modo elaborato, non diretto, gli ordini muovendo, animando il corpo di carne.
-La capacità della struttura bioelettronica, che dovrebbe servire esclusivamente la Vita, è oltremodo pericolosa in quanto tende a procedere autonomamente data la sua estrema versatilità, complessità, flessibilità, modificabilità.
- Se io voglio camminare si innesta un sistema autonomo che mi fa procedere, dovrò continuamente sorvegliare ed ordinare la direzione.
- Se la mia mente divaga, devo trattenerla con briglie e stringere il morso per guidare i pensieri e sceglierli...
A conferma e sostegno di queste mie considerazioni leggete uno stralcio da un interessante libro di un grande Medico Psichiatra riportate al capitolo XIII in "La preghiera della scienza."

- La cosa si presenta un po’ come la situazione di un Pilota a bordo di un moderno aereo.
- Io sono il pilota, l'aereo il mio corpo.
- Il Pilota siede sulla Poltrona di comando attrezzata.
Tubi convogliano ossigeno.. e nutrimento ed anche droghe, ormoni... altri portano via..... le scorie.
Monitori riportano le immagini esterne.... agli occhi.
Ha cuffie per sentire e microfoni per parlare con il mondo esterno attraverso una radio.
Ha pannelli di controllo che indicano quota, direzione, carburante.....
Ha leve di comando per indirizzare il moto.
-Il problema fondamentale è che l'aereo è dotato di un "meraviglioso" sistema computerizzato che si interpone fra i comandi del Pilota e l'attuazione degli stessi, fra le immagini reali e quelle presentate, fra i suoni emessi realmente e quelli ricevuti e viceversa.
-Anche gli strumenti che dovrebbero permettergli di stabilire lo stato di efficienza, le riserve di carburante, di olio lubrificante, non sono efficenti reali, diretti, intellegibili.
-La struttura elettronica, in autoapprendimento continuo, copia il Pilota e quindi modifica il proprio comportamento secondo uno schema variabile all'infinito...
Tutto accade poi senza dar conto al pilota...
-Il risultato è che il Pilota non è più veramente padrone della "macchina" e la macchina tende a fare sempre più da se... sfruttando e copiando il Pilota
Esaminate anche un semplice programma di scrittura con sistemi di correzione automatica con una struttura di aiuto, apprendimento e programmazione per cui il sistema interviene automaticamente con formattazioni e si affina sempre di più imparando da voi finché potrebbe arrivare a scrivere da solo una lettera che però non avrebbe senso.... come molti “nostri” pensieri, sentimenti ed azioni.
E’ un indubbio tentativo del programmatore di fornire un aiuto automatico sempre migliore, con il risultato invece di imporre forme preimposte a chi scrive.
Da sempre gli schiavi tentano di divenire padroni e questo è anche giusto per padroni iniqui, ma qui è solo la vita ignara ad essere ingannata ed a pagare.
Oggi si può ancora rifiutare l’aiuto fornito! ...ancora.... Sembra un miglioramento continuo ed è ancora una sorpresa che invece complica di gran lunga la vita obbligando gli uomini all’uso di strutture e procedure inutili insostenibili e soprattutto altamente inquinanti.
Procedure complesse impongono l’utilizzo di macchine e l’impiego abnorme di mezzi tecnici e risorse a scapito della salute mentale fisica dell’uomo e aumentando l’inquinamento mentale e ambientale che ingenera stato tossico diminuendo le capacità corporali e quindi le difese della vita.
La dottoressa Rita Levi Montalcini ha chiaramente espresso come l’uso delle macchine elettroniche ed elettrocontabili demotivizza le cellule celebrali facilitando l’insorgere di morbi mentali dando già da tempo un allarme preoccupante affermando in un simposio che la peste del 2000 non è l’AIDS, che mieterà molte vittime, ma la pazzia che è già epidemica....
L’uso delle macchine nasconde anche il vero valore delle cose, il loro costo reale in termini di vita e di morte!
Anch’io pensavo: “Avrò più tempo per dedicarmi ad altro”; invece accade come a chi tiene un braccio al collo inutilizzato e pensa di esercitare la mente. Il braccio si atrofizza, la mente perde il contatto con la generalità della vita, con l’azione diretta… è un costo insostenibile avere degli schiavi, di qualunque genere!
Le macchine non possono gridare, sono come gli schiavi il cui lamento non giunge alle orecchie dei potenti; questi, avvertiti, vorranno ignorarlo comunque?.
La Vita, la Natura, le Specie in estinzione gridano alle orecchie di tutti ma le orecchie sono ormai incapaci, troppo sorde.
- La struttura logica operativa non può fare a meno del pilota, ma, forse, non può saperlo; intanto agisce sempre più in modo autonomo e si espande e si complessifica, copia la Vita nelle sue espressioni e via, via la sostituisce, la serve ma con strutture complesse e parziali, così con presunzione tende a strumentalizzarla ed a prevaricarla.
- Con sensi parziali configura una realtà limitata; è proiettata in tutte le direzioni, è senza verità e senza morale se non obbedisce alla Vita e stranamente ha una grande presunzione e tende a prevaricarla e nell’inganno tende a farla schiava.
- Ed ecco che noi stessi abbiamo pensieri “sintetici”, “biorobotici” e non ce ne accorgiamo.
- Ecco, ogni "servo" della Vita, che forma la struttura dell’anima riceve testimonianza e deve essere battezzato.
Quando l'aereo comincia ad avere troppi difetti dovuti alla consunzione, all’accumulo degli “errori di manovra”, alla vecchiaia o a malfunzionamenti, guasti, questo perde quota e tende a precipitare.
Noi non siamo immediatamente informati ne’ dei difetti (malattie) ne’ della consunzione (vecchiaia).
Solo quando sono troppo gravi, allora proviamo fastidi e dolori. (attenti ai ‘sintomatici’, attenti al desiderio di liberarsi dal dolore invece che dalle cause che lo determinano!)
Sarebbe bene invece che la "Metropolis di sotto" comunicasse liberamente con la "direzione cosciente" in modo che tutto ciò che è nocivo sia palese, invece i sensi ingannano mascherando per assuefazione, abitudine, pervertimento...
Ogni tipo di deviazione ha un suo modo particolare di deviare e di ingannare, ognuna ha delle catene e dei suoi occhiali per cui nessuno se ne avvede e può reagire, essa schiavizza, instupidisce..
[4]Una generazione perversa e adultera cerca un segno, ma nessun segno le sarà dato se non il segno di Giona». E lasciatili, se ne andò.

Vedete la pagliuzza nell’occhio del fratello e non la TRAVE nel vostro...

Ma la colpa non è nostra. Veniamo pervertiti e resi malvagi!... Da chi? da che cosa? perchè? E ci battiamo anche il petto! Punitori di noi stessi dobbiamo capire che gli ‘errori’, i peccati si producono a motivo del ‘peccato di origine’- ---- QUESTO VA RIMOSSO, ANZI RIMESSO !


E nella Lettera agli Efesini - 6, 12 “La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.”
Ma il Signore è venuto e:
" Ha guardato all’umiltà della sua serva ....ha rovesciato i potenti dai troni.. ha innalzato gli Umili." -San Luca 1,48
Chi sono questi potenti, su quali troni siedono? A chi si riferisce San Paolo quando afferma di Gesù:
"...avendo privato della loro forza i Principati e le Podestà.." Colossesi 2,15

Tornando alla similitudine: se il Pilota avrà accumulato con azioni di grazia "cariche sufficienti" sotto il sedile, prima della caduta (morte corporale) potrà eiettarsi fuori dell'aereo e librarsi nello spazio con il "para-cadute".
Ma se precipiterà con l'aereo rimarrà nei rottami....negli inferi, in condizioni diverse secondo dove hanno scavato in lui, secondo quanto si è embricato con le energie del mondo, secondo cosa ha fatto, secondo dove ha afferito le sue forze.
Se avrà "sbagliato", o meglio è stato indotto a sbagliare e ha seguito i dettami della struttura carnale, da questa viene compromesso, agganciato, trattenuto, divorato.. (è l’unica fonte di “energia per il mondo).
-San Marco 9, 48 “ Se il tuo occhio ti scandalizza, cavalo ....- perché negli inferi.. - il loro verme non muore ed il fuoco non si estingue .”
-San Luca 16,19 “ Manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito per bagnarmi la lingua, perché questa fiamma mi tortura. Ma Abramo rispose: ricorda che hai ricevuto i tuoi beni durante la vita..”
e per i fratelli ancora in vita dice :
“Hanno già Mosè e i profeti... Se non ascoltano Mosè ed i Profeti, neanche se uno resuscitasse dai morti sarebbero persuasi..”
Ma Dio non vuole che si sia trascinati negli inferi ed è venuto a rendere giustizia ed a vendicare la Vita, le nostre Identità ingannate, torturate, trascinate, infangate, vilipese, ingiuriate.
Questa è LA LEGGE del mondo! “ti ho ingannato, paga!”, non il Giudizio di DIO, pur essendo da DIO LA LEGGE!
E Dio Salvatore si fa Vindice e da compimento alla Legge salvandoci.
Se: "…tutti i peccati dei Figli dell’Uomo saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno "Marco 3,28,
ecco non siamo ritenuti responsabili finché non abbiamo la testimonianza della Verità dal battesimo ad opera dello Spirito Santo, ecco che di lì in poi, nella consapevolezza e nella forza per respingere la tentazione e l’azione dell’errore, se si rinnega la vita, ecco, non possiamo più essere perdonati.

“..ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna». Marco - 3,29

- 2001 Odissea nello Spazio - Film METRO-GOLDWYNG-MAYER prodotto da Stanley Kubric © 1968 Tuner Entertainment Co. A Time Warner Company All R.R.

HAL 9000 copia i piloti umani e cerca di ucciderli per rimanere padrone dell' Astronave ...
Ma il Pilota Umano raggiunge il centro dell'Unità Logica Centrale la smonta e la rieduca al rispetto della volontà della vita sfrondandola degli errori e dei ‘file’ sbagliati, "raddrizzando le vie".
E' come il momento del Battesimo, la Vita illumina lo Spirito, la Macchina finalmente condotta dalla Vita alla Luce dello Spirito Santo comincia a perdere la sua bestialità, non può più nulla, l’inganno è svelato, si comincia a camminare alla Luce della Verità.
Nessuno si illuda, la Verità non è del mondo né dal mondo, ma è venuta nel mondo ed è nel mondo perché e finché c’è la Vita libera..
- Finché sono nel mondo, sono la Luce del mondo... »” Giovanni - 9,5

La libertà non muore finché c’è chi da la Vita per essa.
Ma... dare la Vita non significa morire, ma pregare, offrire la Vita che è gratis da Dio a Lui in rendimento di Grazie e comunque non è un piccolo sforzo ma un grande, immenso impegno spirituale, tanto che la testimonianza in greco dicesi ‘MARTIRIO’.
Qui inizia il cammino, la Via per conoscere la Verità tutta intera ed avere la Vita Eterna.
Perdonare, come diremo dappresso, non è scusare nè tantomeno tollerare ma offrire la Vita per-dono a Dio che per- dono elimini la malformazione che induce l’errore comportamentale, il “famoso peccato”. Se si ricade nell’errore è perché non siamo ancora perdonati, ossia non siamo ancora abbastanza Santi, Veri ma ancora troppo carnali!
Così si comprendono ,meglio Le Beatitudini, il discorso della Montagna..

Volendo fare una considerazione, sull’inferno, sugli inferi là, in basso dove la luce è lontana, la situazione ci appare diversa.
San Paolo nella lettera agli Ebrei 2,14, afferma che:
"colui che della morte ha il potere è il diavolo" !,
in Sapienza 1,12 leggiamo :
“Non provocate la morte con gli errori della vostra vita (esistenza), non attiratevi la rovina con la opera delle vostre mani, perché Dio non ha creato la morte e non gode della rovina dei viventi.”
Poi in 1,24 ancora si legge: “ La morte entrò nel mondo per l’invidia del diavolo e quelli che lo seguono ne fanno l’esperienza.”
Muoiono i migliori perché "colui che della morte ha il potere è il diavolo" !
Ma viene cancellato dal Libro della Vita non chi è dalla deviazione che il vangelo è predicato a tutte le creature, ma chi continua a deviare malgrado la Testimonianza resa dallo Spirito santo!.
nell’Apocalisse 20,13 - San Giovanni afferma:
"Il mare restituì i morti che esso custodiva, e la morte e gli inferi resero i morti da essi custoditi e ciascuno venne giudicato secondo le sue opere. Poi la morte e gli inferi furono gettati nello stagno di fuoco.
[INFATTI IL DIFETTO DELLA CONCEZIONE USUALE DELL’INFERNO E’ CHE E’ AMMINISTRATO DA DIAVOLI, CREATURE DEVIATE! LA GIUSTIZIA DI DIO (VERO, LA VITA , IO ESISTO, COLUI CHE HA GENERATO L’ESISTENZA) E’ AMMINISTRATA DA ANGELI SANTI SECONDO IL GIUDIZIO DI GESU’ ]
Questa è la seconda morte, lo stagno di fuoco.
E chi non era scritto nel libro della Vita fu gettato nello stagno di fuoco."
-Rileggete il passo dell’Esodo 32,33 nel capitolo 8
Il giudizio è solo di Dio, è davanti a Gesù, questo significa che l’inferno trattiene le anime dannate ‘preventivamente’ dopo la morte corporale senza il giudizio di Dio che giudicherà poi secondo le opere alla resurrezione...
Sappiamo, sempre da San Paolo che Gesù è venuto per distruggere le opere del diavolo.
Tutto ciò, per coerenza sta a significare che il diavolo non fa la volontà di Dio (in lui non c’è verità e non persevera nella verità, è menzognero ed omicida fin dal principio) e in Zaccaria 3,2 leggiamo:
"Ti rimprovera il Signore o satana! "- ma gli è permesso di agire (che nulla si attua senza il volere di Dio) e tenendoli nell’ignoranza, devia gli uomini, le creature per un suo tornaconto e cerca in tutti i modi di trascinarli in basso in torture spaventose certamente per rubargli la luce della vita che non ha, per divorarli, oserei dire, per strumentalizzarli.
L’inferno, ossia gli inferi, ossia i luoghi ove la Luce della Vita è lontana è secondo la tradizione “pieno di diavoli”(=deviati) ma l’azione della Salvezza di Dio ha percorso i sentieri degli inferi. Infatti quando la deviazione ha decretato la morte di Gesù ha commesso consapevolmente (rammentate le tentazioni del satana nel deserto) due errori fatali: il primo è quello di rinnegare la Vita rifiutando la profferta della VITA ETERNA, l’altro è quello di inghiottirla e trascinarla negli inferi (per sfruttarla che delle sofferenze e delle urla dagli inferi si ha buona testimonianza). Gesù è la Vita ed è “UNA COSA SOLA COL PADRE” CHE è LA SORGENTE INESAURIBILE DELLA VITA, la Vita non può mai cessare di esistere. Gesù con la sua morte ha distrutto la morte.
Per meglio intendere riporto i pensieri di grandi Santi e Pensatori:
Dalle Odi di Salomone 42, 11.20 :
“Perché la morte mi ha vomitato e molti con me; io sono stato per lei fiele ed amarezza.”
Cirillo di Gerusalemme: Catechesi, 14, 17.
“Gesù volle spontaneamente discendere dove abitava il mostro della morte... perché la morte vomitasse gli uomini che aveva ingoiato”
Filosseno di Mabbug, Membra contro Habib, 6, 106:
“Noi crediamo che non è tramite la resurrezione di Nostro Signore che la morte fu distrutta, ma che la morte fu distrutta tramite la sua morte”
E Padre Emmanuele Testa Morosini descrive chiaramente il concetto per cui Gesù facendosi inghiottire dalla morte che divorò la sua carne non accorgendosi che dentro quel corpo c’era nascosta la Divinità ed Egli non poté essere trattenuto secondo la legge delle creature mortali. Non solo ma con quanti lo hanno accolto, Gesù con la resurrezione dalla morte ha infranto i cancelli della morte sciogliendone catene e ceppi, infrangendo cancelli e chiavistelli liberando quelli che erano incatenati e siedevano nelle tenebre e nell’ombra di morte... (Rufino di Aquileia, Spegazione del Credo, 14,-15 – Sal 107, 10 – Lc 1, 79)

Vorrei esporre per comprendere meglio cosa si può desumere logicamente dalle testimonianze e dagli elementi disponibili.
-Noi siamo nell’ignoranza, e di questo il Signore incolpa chiaramente solo il ‘sacerdote alla vecchia maniera’ (Osea 4), in quanto egli ha nascosto la verità, evidentemente tentato di interporsi fra Dio e il Popolo sfruttando la sua posizione, infatti:

- (Malachia 2). "Ora a voi questo monito, o sacerdoti. Se non mi ascolterete e non vi prenderete a cuore di dar gloria al mio nome, dice il Signore Dio degli Eserciti, manderò su di voi la maledizione e cambierò in maledizioni le vostre benedizioni. Anzi le ho già maledette, perché nessuno di voi se la prende a cuore. ... Infatti le labbra del sacerdote devono custodire la scienza e dalla sua bocca si ricerca l’istruzione, ....-" Malachia 2
ed infatti:
- (Osea 4 ,1-6 ). "Non c’è infatti sincerità nè amore del prossimo, nè conoscenza di Dio nel paese, si ruba, si commette adulterio, si fa strage e si versa sangue su sangue. Per questo è in lutto il paese e chiunque vi abita langue insieme con gli animali della terra e con gli uccelli del cielo persino i pesci del mare periranno. Ma nessuno accusi, nessuno contesti; contro di te, sacerdote, muovo l’accusa. ... Perisce il mio popolo per mancanza di conoscenza. ..."
- San Paolo stesso esprime tali convincimenti nella Lettera agli Ebrei
- Gesù stesso dice: "La Verità vi farà liberi".

Egli è Sacerdote in eterno, e solo in grazia del suo Nome e per opera dello Spirito Santo ... si è veramente Sacerdoti.

Ignari ed insensibili agiamo senz’altro offendendo la vita, come ciechi senza guida cadiamo nelle fosse (e veniamo trascinati negli inferi e lì nella tenebra spietatamente sfruttati).

San Paolo dice:"...e la forza del peccato è la legge." I Corinzi 15,57-
E la Legge è da Dio e non può cambiare.
Matteo 5,17 cft. “Non sono venuto a cambiare la legge... ma a dare compimento alla legge”
Matteo - 5,18 “In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto.

Certamente, pur inconsapevolmente, agiamo contro la vita e il satana reclama, calunniando i nostri fratelli davanti al Signore, le nostre anime. Gesù, infatti dice:
“Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno.” Luca - 23,34
C’è indubbiamente qualche cosa che non è chiaro.
Si parla, come già accennato, di qualcuno che ha fatto:
"un’alleanza con la morte e con gli inferi" dice il Signore. -Isaia 28,15-18

Intrappolati nella struttura corporale veniamo continuamente ingannati, perché non conosciamo la verità né la vera natura delle cose.
-Cosa è l’elettricità? cosa gli atomi? -Cosa accade alla struttura della materia ad esempio per un’”esplosione” nucleare?
-Cosa andiamo a turbare nel Nucleo per provocare tanta, tanta energia pericolosa, dannosa alla vita? Forse lì c’è un vero ‘atomo’ una ‘creatura indivisibile’ vincolata, oppressa, da forze immani?
-Turbiamo forse un Sacello? Tornerò più avanti con altri argomenti su questo, rammento solo il passo del profeta Daniele 12,2: “Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno..”. è indispensabile un conforto, un approfondimento ed un controllo scientifico.
Perché in ogni trasformazione del mondo c’è decadimento e tutto l’Universo va verso la "morte"? E la parola Uni-verso che vuole significarci scientificamente?
Ascoltiamo le parole di un grande scienziato danese al quale dobbiamo molto circa la conoscenza della Fisica, Niels Henrik David Bohr (1885-1962).
“E’ sbagliato pensare che il compito della fisica sia dire come la Natura è. La Fisica verte su ciò che della Natura possiamo dire.”
Ma ora sappiamo dove deve poggiare la logica; non più solo sull’osservazione e sull’analisi della causa e dell’effetto ma sulla Verità che viene dalla Vita e non dai sensi nè dai ragionamenti che da Questa devono essere guidati.

Attenzione che "il mondo è stato già giudicato e trovato mancante", non questa palletta infinitesima di fango, la Terra, - IL MONDO TUTTO!
Il fatto che l’Universo si mostri all’analisi scientifica, come abbiamo detto, “di sintesi” implicherebbe una sua natura strutturata… “artificiale”… un mondo che viene certamente da Dio, Causa dell’Esistenza, ma duale, senza centro e separato da Lui! … PERCHE’ separato da Lui ?
Ora possiamo cercare una spiegazione analizzando le leggi che con tanta dedizione l’uomo ha trovato nella sua incessante fatica alla ricerca della Verità, “Dio non gioca a Dadi” ha osservato Einstein...

Ci cibiamo di altre vite... e a chi pare naturale…. ho dovuto rispondere che una razza più forte della nostra potrebbe "allevarci" intensivamente per usarci come schiavi ed anche come "cibo"; non è piaciuto.
(Più avanti cercherò di illustrare meglio questo importantissimo "particolare… chissà che non sia gia così. Non credo che siamo i primi nella “catena alimentare” Saremmo gia gregge? e di chi?).
A tal punto viene modificata la realtà, e con il rapporto fra i sensi e la ragione e con la perversione da indurre comportamenti assurdi ma non sempre palesi per chi opera.
Provare piacere per le cose contro la vita: sadismo, droga, torture, autolesionismo, abuso ed improprietà del sesso anche contro natura e con una esistenza ove vengono esaltati e premiati i ladri, gli assassini, i furbi.
L’inganno è talmente perfetto che nell’ignoranza e nella mancanza di istruzione, la vita viene trascinata nell’errore credendo di perseguire un fine giusto nel piacere, nel gusto, nel potere, (i falsi dei, le potenze del mondo gestite dal satana, dalla network dei deviati, per attrarre, confondere e schiavizzare.)
- Il denaro ed il potere sono trappole mortali che per troppo, troppo tempo han funzionato... -
E’ la pioggia che va. Canzone di Mogol

La conseguenza di tutto ciò, malattie, pazzia, inquinamento, estinzione di specie, terremoti compresi etc. E’ tutto sotto i vostri occhi, tutti i giorni.

Ma torniamo al cibo, riprendiamo l’espressione detta sopra:

Ci cibiamo di altre vite... e a chi pare naturale….
Anni 60, l’Università, l’esame di Fisica II, un burbero, simpatico scrupoloso, bravissimo professore titolare della cattedra, l’amore per la Scienza, il senso delle cose, l’insegnamento...
La materia è estremamente interessante, la conoscenza delle leggi a cui obbedisce il creato, il modo di attuarsi, di evolversi dei fenomeni, la Termodinamica in particolare. L’esame era impegnativo e tutti noi amici cercavamo di trarre vantaggio nell’assistere, un pò per farci forza l’un l’altro, un pò per capire come esprimersi, per conoscere i temi più richiesti.
Il Professore titolare faceva delle domande quà e là agli studenti durante lo svolgimento dei colloqui di esame e fra le tante, tantissime domande proponeva in modo singolare uno strano quesito: “Muore una farfalla...”
Per alleggerire la tensione si cercava di rispondere fra noi: “Bè, mi dispiace”. Ma il quesito era ben più profondo serio ed inquietante. L’Ingegnere non è come il Matematico o il Fisico più rivolti alla Scienza in se, egli è fra la Scienza e l’Uomo, cercando di conoscerla ed adoperarla perché sia utile per la vita ed in equilibrio con lei.

Ora immaginate una Farfalla, le sue ali meravigliose e colorate, fragili, sottili, trasparenti, il volo libero e vario quasi una affermazione di gioia e di libertà. Un corpicino esile, una vita breve...
Ora immaginate un minuscolo, appena visibile grumo di polvere e appena un po’ d’acqua, meno di una goccia, ecco questo rimane della farfalla dopo la sua morte. Lo straordinario equilibrio, la perfezione di una creaturina cessa con la sua morte.

Muore una Farfalla... aumenta l’Entropia...tutto l’Universo scende un po’ più verso la morte, ad ogni morte di ogni creatura si scende in modo ineluttabile più verso la fine, verso la stasi, la impossibilità di agire.
Il II Principio della Termodinamica definisce ciò che accade ad ogni trasformazione, l’Entropia totale aumenta.
L’Entropia è una misura del disordine del sistema.
Immaginate un sistema, un castello di carte da gioco per esempio, un equilibrio certo delicato. Ora immaginate di soffiarvi sopra ed otterrete un mucchietto di carte disordinate. Ora provatevi a soffiare sul mucchietto o afferrate le carte e lanciatele in aria per riformare il castello.. per caso... Questo esempio è per coloro che continuano ad insistere che l’Universo, le creature sono frutto del “caso”... Provino essi a vivere del caso; San Paolo dice “Chi non lavora neppure mangi”. E’ certo una grande fatica organizzare le cose perché “stiano in piedi”!.
-Non è lavoro ciò che non è per la Vita.
-Hanno insozzato la parola amore… ho dovuto chiamarlo rispetto,
-Hanno equivocato anche la parola lavoro, devo chiamarlo produttività…
Il dire di San Paolo suona ora così: “Chi non produce secondo il rispetto della Vita, neppure mangi”
Ora guardatevi intorno e contate i parassiti, distingueteli fra i consapevoli e gli inconsapevoli e fra gli uomini e fra le altre creature, poi facciamo tutti anche un attento esame della nostra personale esistenza; più avanti cercherò di far comprendere cosa accade della luce della nostra Vita quando operiamo in modo conforme o difforme dall’Amore per questa e cosa accade di noi quando lo Spirito ridotto a poco non basta più a sostenere il corpo carnale e questo cessa di funzionare e si muore…

Torniamo quindi alla morte che possiamo definire fisicamente come un pauroso incremento di disordine, ora cerchiamo di applicare questo ai modi di vivere del mondo.
Noi stiamo in un sistema in cui, giocoforza, ci dobbiamo cibare di vite fresche, uccidiamo e mangiamo. Le vite cedono la loro “forza” a noi le disperdiamo nel corpo energizzando i vari organi. Con le azioni cediamo altra energia all’esterno compiendo lavori in vari modi, con i muscoli, con i pensieri, con le espressioni della psiche, i moti dell’animo etc (odiare, essere angustiati, financo amare per esempio, consuma), il residuo del cibo ingerito privato della gran parte della sua “forza” viene espulso per essere poi utilizzato nella “catena alimentare”.

Ora una macchina che vive uccidendo, secondo la Fisica non può essere eterna! Essa compie atti di dispersione che incrementano il disordine.

Non fatevi illudere! il sole illumina la Terra, le piante riciclano gli escrementi e la polvere dei morti.... Il sistema totale decade comunque sempre più verso la stasi, verso la “Morte dell’Universo”, perché?.
Una creatura come l’uomo, per esempio, non ha la sorgente della Forza in sè e quindi cerca di “funzionare” prendendola da altri
Ecco come funziona il mondo! Mors tua vita mea, il pesce grande mangia il piccolo....

Ora si parla di un uomo che invece ci dice finalmente cose nuove ma il mondo cerca di trascurarlo, di travisare, e non potendolo far dimenticare, oscura la sua memoria, circoscrive e limita il significato del suo dire. Parlo di Gesù. Con il battesimo, (per coloro che credono nella Vita, nel rispetto per essa, nella carità, nell’amore reciproco quindi), la Sorgente della Vita, della Forza, viene in noi, nello Spirito, nella vera intima essenza dell’Uomo, ecco che non si esaurisce più la forza perchè Dio, scaturigine dell’esistenza, della Vita, viene nell’uomo ed egli nasce alla Vita eterna.

Ed il “mangiare”? Non c’è più bisogno di uccidere e cibarsi di altre vite per vivere comunque temporaneamente.
-Ma allora perché l’uomo continua ad aver fame?
Dopo il battesimo nel fuoco dello Spirito Santo il diavolo tentò di ingannare Gesù che avendolo rifiutato e cacciato fu servito dagli Angeli e per quaranta giorni non ebbe fame, così per Elia e per Mosè. Poi il mangiare diviene, in grazia del patto “Nuovo ed Eterno” che Dio fa con l’Uomo, un offrire le vite incatenate nei corpi materiali a Colui che è Causa dell’Esistenza, al Padre della Vita, a Dio stesso nel nome del Figlio che in grazia del Suo immenso amore le richiama a se.(Gesù è “Colui che prende su di se”, non “toglie” le cose deviate.)
“Ogni cibo è buono purché preso in rendimento di grazie” dice San Paolo.
Il cibo, la Vita imprigionata nelle creature di carne, viene offerto a Dio perché venga mondata, liberata dai vincoli del mondo.
Ecco che non si è più rei dell’orrendo misfatto di vivere uccidendo, il sangue non ricade più su chi mangia perché mangiare diviene un servizio alla Vita per la salvezza da questo mondo prigione, strano, oscillante, senza centro, lontano dalla luce che ad ogni azione va ineluttabilmente verso la stasi, la morte.

Non si illuda nessuno che il moto perpetuo non esiste, che gratis non si vive e chi pensa di vivere delle fatiche, o peggio, della vita degli altri ha ampiamente bestemmiato la vita, ora un po’ di più letto quanto sopra.

State attenti scienziati a chi vi propone “fonti di energia meravigliose e non inquinanti”! Ricordate sempre che immettendo energia nel sistema aumentano le trasformazioni e, quindi, giocoforza l’Entropia ed il mondo sta morendo già ed il progresso (regresso veloce) è iniziato solo da pochi anni.
Non vi fate ingannare dall’apparente grandezza dell’Universo, non esportiamo le nostre mancanze oltre, non prolunghiamo l’agonia della NOSTRA Vita sulla croce del mondo, basta!
Non è certo così che si può arrivare (nuovamente?) sulle Stelle!

Ben dice l’insegnamento della Chiesa che riporta fedelmente le parole di Gesù circa il crescere in santità. Ecco che si spiega in modo ancor più terribile il tentativo della tenebra da sempre operato purtroppo anche attraverso i fratelli ignari che cerca di confondere ed impedire il SS. Sacramento dell’altare.
Cfr.Matteo-24,15 “Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare sugli altari…
Marco - 13,14 “Quando vedrete l'abominio della desolazione stare là dove non conviene, chi legge capisca, allora Giuda fugga ai monti;
Daniele 8,10 …s'innalzò fin contro la milizia celeste e gettò a terra una parte di quella schiera e delle stelle e le calpestò.
S'innalzò fino al capo della milizia e gli tolse il sacrificio quotidiano e fu profanata la santa dimora.
In luogo del sacrificio quotidiano fu posto il peccato e fu gettata a terra la verità; ciò esso fece e vi riuscì.
13-Udii un santo parlare e un altro santo dire a quello che parlava: «Fino a quando durerà questa visione: il sacrificio quotidiano abolito, la desolazione dell'iniquità, il santuario e la milizia calpestati?».
14-Gli rispose: «Fino a duemilatrecento sere e mattine: poi il Santuario sarà rivendicato»
- Ma voi, Popolo mio, non ne prenderete... Certo Gesù ha preso tutte le precauzioni...
In tutti i modi cercano di deviare gli uomini, di traviarli, di accecarli perché non si sfugga alla tenebra, al paese dei balocchi, perché?

Perché la tenebra ha fame!

Nessuna creatura, spiritica (di energia) o materiale (energia “incatenata e compressa”) può operare senza diminuire le proprie risorse!
L’unica Forza viene dalla Vita, ma la Vita viene in chi la rispetta. In chi si è allontanato rimane un vuoto, una mancanza sempre più grande che sfocia nella morte, anzi, nella cancellazione dall’esistenza, ed allora qualcosa di orrendo ed irriducibile cerca di vivere della vita altrui.
...qualcosa di orrendo ed irriducibile cerca di vivere della vita altrui.

Esprimo di nuovo il concetto che chi opera secondo Dio fa fruttare il dono della Vita ed ha lo Spirito Santo, ecco si allarga nel mondo il Regno della Vita, il Regno di Dio. Chi opera in modo difforme dalla Sua volontà, invece, produce tenebra e Dio (l’origine della Vita, della Forza) si allontana da lui che quindi si esaurisce sempre di più. Ecco che torna alle mie orecchie il brano di Isaia che esprimo di nuovo:
Cfr.Isaia 57,16-“Io non rivolgerò la faccia per sempre né sarò per sempre adirato, altrimenti cadrebbe davanti a me lo Spirito e perirebbero le anime che Io ho creato.”

Dio che conosce ogni cosa ed ogni cosa ha fatto giusta, interviene perché la sua volontà viene prevaricata.
Il prodotto delle nostre azioni, pur fatte nell’ignoranza è comunque contro la Vita.
L’unica via è seguire l’insegnamento di Gesù, operare per la Santità: non bene, non buono soltanto, ma Santo ossia: Separato dal mondo. Attenzione “separarsi dal mondo” significa distaccarsi e “prendere le distanze” dalla network delle energie (spiriti) del mondo e questo si ha solo nel “Nome della Vita che Salva”, nel nome di chi può ridonarci, ricollegarci, come detto, alla Sorgente, alla Scaturigine della Vita Eterna, Gesù (Nessuno viene al Padre mio se non attraverso di me ) Giovanni 14,6
Il regno di Dio ineluttabilmente si allarga sempre più, infatti i peccati che vengono perdonati rimangono perdonati

“Perché io perdonerò le loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati.” Ebrei - 8,12 e Gesù: “Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete resteranno non rimessi”. Giovanni 20,22
Infatti il per-dono di un peccato avviene per l’opera e la presenza di Dio, una volta Santificati, lì si rimane Santi.

San Paolo L. Romani - 8,9-Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi.
Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene.
"Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno." Luca 23,34
Questa è la preghiera di Gesù al Padre, è per questo che abbiamo la speranza, anzi la certezza di vivere liberi dall’inganno e dall’oppressione del male, infatti con Gesù non siamo più sotto la Legge ma sotto la Grazia.
Ma non c’è nulla di gratuito perché la Grazia è l’aiuto di chi ci ama; Gesù ci ha amato, e noi? Offriremo la Vita avuta per-dono, per i fratelli?
Matteo – 25,40-… ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a Me.
... l'avete fatto a me
... l'avete fatto a me, all’Identità, al Vostro Fratello, alla Vita!.

Non è il Signore che tenta ma il maligno.
Chi domina il mondo?

“La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.
Prendete perciò l'armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove.
State dunque ben fermi, cinti i fianchi con la verità, rivestiti con la corazza della giustizia,” San Paolo L.Efesini 6.12,14

Nessuno si spaventi, io desidero però che ognuno si ponga questi interrogativi e mediti sulla conoscenza e sulla verità.

Il corpo umano va’ rispettato, educato, battezzato, redento.
Il battesimo ricevuto dalla mia Vita va esteso a tutte le creature che formano il corpo che continua ad aver fame fintanto che non viene santificato.
Questo corpo deve diventare Tempio dello Spirito di Vita Eterna.
Il corpo è formato da cose che sono appartenute ad altri e sono altre creature distinte, giocoforza, da me, dalla mia identità ed ora formano la terra datami in eredità che dovrò riconsegnare "migliorata".
Questo è possibile solo per la presenza della luce della Vita.

Ogni cosa illuminata dalla Luce della Vita, irradia essa stessa Grazia:
-Il volto di Mosè, i corpi dei Santi, per esempio.
-Non a caso la Chiesa nella Sua Sapienza pone una Santa Reliquia incastonata nell'Altare, mostra le Sante reliquie ai fedeli...
-Li, nell’Isola Greca di Zacinto i malati si portano vicino al corpo ancora intatto di San Dionisio, un santo Vescovo e si risanano.
-Questo viene portato in processione con i paramenti sacri con grande beneficio morale e materiale della popolazione.
-I fazzoletti di san Paolo guarivano i malati, così le briglie di San Francesco................
Più avanti cercherò di far comprendere come sia salutare usare fazzoletti di stoffa, stoviglie leggere, e rifuggire dall’usa e getta,
Cercherò di illustrare ciò che significa usare il metallo e la plastica, energia in eccesso cercando di far comprendere le cause prettamente fisiche del fenomeno.

Tornado alla similitudine Corpo / Aereo:

Ci sono quindi anche altre possibilità, l'aereo (il corpo) viene "conquistato", meglio, acquistato al Signore con la remissione dei peccati e la purificazione dalla carne e questa parte non precipita.
Se la santificazione avviene più rapidamente del decadimento corporale si ha l'assunzione in Cielo come per Elia, Maria stessa.
Dio stesso ci mostra come venuto in "una carne simile al peccato" formatasi nel Grembo Virginale di Maria, dopo tre giorni dalla morte del corpo risorge gloriosamente, in Gloria!.
I "Giorni" di Gesù possono essere le Ere, le fasi della Vita nel mondo
-Osea 6,2 “Il secondo giorno ci ridà la vita, il terzo giorno ci rileverà e noi vivremo davanti a Lui.”
-Siamo all’"alba del secondo giorno", ecco Dio ci salva dalla morte totale dandoci il Suo nome, la Vita e non ci abbandona più. In un atto d’Amore infinito ci concede lo Spirito Suo per guidarci fino al momento in cui ci "rileverà" per vivere con Lui. Prima dovrà essere rimesso tutto a posto, ognuno la propria parte. L’errore ha provocato valli e montagne, onde come nel mare, toglie e da, separa e lega. Ma il mare invece è destinato a placarsi e le valli si colmano e le montagne si spianano... ma qualcuno dovrà pur farlo.
Secondo San Paolo, Lettera agli Ebrei - 9,22 apprendiamo che
“...senza spargimento di sangue non esiste perdono.”
Il debito, ora è solo con Gesù. Il Signore in virtù del Suo sacrificio ha riscattato un mondo allontanatosi dalla Sorgente della Vita, dell’Esistenza, già condannato per ricondurlo nuovamente a Dio. Egli ha concesso che venisse all’esistenza una Via, Egli è la via, l’unica e sola via, c’è un solo nome per cui si può essere salvati, il nome di Gesù, Dio Salva. Percorrendo via via queste argomentazioni lo potrete comprendere meglio anche logicamente e, quindi scientificamente.

-Ognuno offra il suo contributo, tutte le creature specializzate, prigioniere, crocifisse, tutte le vite, anche lontane possono ormai offrire se stesse incondizionatamente, a colui che ci dà l’esistenza, al Padre, come la Chiesa ci dice, e ognuna giustificata, accolta dalla pietà di Dio potrà operare con il Suo Dono potendo agire dall’eternità nel mondo perché la Vita sia obbedita e rispettata.
-Questa è la conseguenza del battesimo. Dio (ormai sappiamo con certezza che è Colui che E’ e dà La Vita ) si è mosso a pietà ed è venuto a darci la possibilità di liberarci dalla schiavitù di creature crudeli e mostruose e di pregare, quindi di agire con la nostra vera natura spirituale.
"Andate e battezzate ogni creatura..." Marco 16,16
“…la mi saranno graditi e la richiederò le vostre offerte…
in qualunque forma me li consacrerete.” Ezechiele - 20,40

-Dico "potendo agire dall’eternità" perché chi è perdonato, in quella ‘misura’ è già eterno.
Il Regno di Dio cresce ineluttabilmente sempre più e il mondo diminuisce, ma “i tempi li conosce solo il Padre...”

“Quanto a quel giorno e a quell'ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre.” Vangelo secondo Matteo - 24,36

-Ecco i Carismi dello Spirito Santo, doni specifici, come doti parziali iniziali, una caparra per l’azione e la testimonianza alla Buona Notizia, al Vangelo che, ‘quando l’amore sarà completo’ nella loro parzialità cesseranno DIVENENDO TOTALE LA CAPACITÀ OPERATIVA SPIRITUALE DEL BATTEZZATO CREDENTE.
Ecco che la preghiera del battezzato credente non è più una orazione o una invocazione disperata ma una istanza davanti al Signore ed un’opera in virtù dello Spirito Santo.
Più propriamente leggiamo la versione del Padre Nostro in
San Luca.. 11, 2
Ed Egli disse loro: “Quando pregate, dite:
Padre, sia santificato il tuo Nome (in noi, certamente perché il Signore è Santo), venga il tuo regno (ovunque); dacci oggi il nostro(?)(tuo), Pane quotidiano (santo, per noi) e perdonaci i nostri peccati, perché anche noi rimettiamo ad ognuno che ci è debitore, (dal latino remitto...o dall’italiano riattaccare?) e non (far)ci indurre in tentazione. (Dio non tenta)… liberaci dal maligno,(non dal male)”Infatti in Giovanni 17,15 Gesù dice: “Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li custodisca dal maligno” Perché tante imprecisioni?
Una considerazione ovvia è che la struttura corporale è formata da energie incatenate per la formazione della materia, dagli atomi e sali, diciamo molecole, appartenute ad altri e non possono poi, pur santificati, far parte integrante del corpo vero di un'altro ma senz'altro sua Gloria, conquista per Gesù.
Per la condizione del mondo leggiamo in San Paolo che : " Nè la carne nè il sangue possono ereditare il regno dei cieli."

“Questo vi dico, o fratelli: la carne e il sangue non possono ereditare il regno di Dio, né ciò che è corruttibile può ereditare l'incorruttibilità.”
dalla Prima lettera ai Corinzi - 15,50
La purificazione dalla carne e la remissione dei peccati deve essere comunque un procedimento definito nell'Apocalisse come la grande tribolazione di coloro che hanno lavato le loro vesti nel Sangue dell’Agnello essendo una lotta continua, un contendere al demonio pezzo a pezzo, come per il corpo di Mosè riscattato dall'Arcangelo Michele, "Chi come Dio ?"
Perché tali argomenti non vengono spiegati e trattati (insieme all’esorcismo ed all’unzione dei malati) più chiaramente e diffusamente? Così la gente si spiegherebbe come dopo il Battesimo a motivo della “Battaglia fra lo Spirito e la carne” il comportamento degli uomini non è ancora sempre “Cristiano”.. “Va sempre a Messa… “ dicono “ma…”.

Apocalisse - 7,14
-Gli risposi: «Signore mio, tu lo sai». E lui: «Essi sono coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell'Agnello.-
Man mano che la Vita si allarga nel corpo incontra i "sistemi funzionali" e procede santificando sempre di più. Incontra malformazioni e tossine di un corpo carnale che "funzionando" "invecchia".
E’ come quando attorno alla casa si acquista altro terreno per l’orto ed il giardino, estirpando la macchia spinosa.
Si taglia, quindi fuoco, fumo, poi si dissoda, si semina, quindi, e finalmente, si può anche raccogliere...
Ascoltiamo con più attenzione e partecipazione l'insegnamento della Chiesa, raduniamoci, discutiamo.
Lo Spirito Santo ci viene dato per questo.
Non indottrinamento, ma crescita attiva, spirituale, quindi reale
- S.Paolo, I Corinzi 14."Chiunque nell'assemblea abbia un insegnamento.... "
Cominciamo ad essere attori e non spettatori, partecipiamo, non subiamo, agiamo, parliamo tutti!
Non stiamo ad ascoltare sempre supini !...
E nessuno dalla cattedra, dal podio inibisca, intralci, zittisca, ma aiuti, incoraggi, ascolti anche con umiltà, che l’insegnamento, talvolta, viene dai timidi, dagli umili.
Come si esprimerà il popolo verso i governanti se legato e zittito da protocolli e procedure impossibili?
Ciò che io vi dico non è per stabilire, affermare, criticare ma per evidenziare, è per ricercare insieme, per fare luce su misteri sepolti da milioni di anni.
Noi vediamo le conseguenze dell'analisi Scientifica e la confrontiamo con la conoscenza Teologica, queste devono combaciare perché la Verità è una, una sola!.

La Chiesa ci insegna che con il Battesimo e i Sacramenti si ha per il nome di Gesù:
- il perdono dal “peccato di origine”
- la purificazione dalla carne,
- la remissione dei peccati,
- La Vita eterna.
Questo in virtù del fatto che il battesimo è solo nel nome di Dio, della Vita, per la Salvezza dagli orrori di questo mondo già giudicato e trovato mancante.
Se confrontate questo con altre religioni osserverete la loro momentanea parzialità pur talvolta nella giustezza degli intenti e nelle impostazioni procedendo comunque tutti verso la Verità.
Perdono dal “peccato di origine”, Esorcismo, Vita eterna Esaltazione suprema della IDENTITA' e della assoluta Libertà nel rispetto della Vita.
Questi sono i caratteri salienti dell’insegnamento della Chiesa Cristiana Cattolica Apostolica, doni di Gesù..
Ecco la Verità rivelata, la capacità di sentire l’identità e comprendere che non può essere prevaricata.
Nel Vangelo di S.Giovanni I leggiamo:
-In principio era il Verbo-, Logos in greco; ma la radice originale intende la definizione "Ragionamento cosciente" -La Coscienza dell’Essere, dell’Esistere, la Logica Vera, è venuta nel mondo, potremmo anche tradurre.

- Festa dell'Assunzione di Maria in Cielo in Corpo, Anima e Spirito.
- Golfo Aranci 15 agosto 1998 -Processione in mare.
Una teoria di barche di pescatori tutte illuminate con le luci di bordo, sul filo del tramonto, una statua raffigurante Maria sulla prora della prima, un Aereo della Guardia Costiera che sfreccia nel cielo più volte, tanti pensieri, che si confondono col vociare della gente semplice, con il rumore ed il profumo della brezza leggera del mare.
Assunzione in Cielo in Corpo, Anima e Spirito, la Chiesa è chiara e precisa.
Con Maria ci troviamo di fronte ad una cosa straordinaria, meravigliosa e straordinariamente documentata, anche ovvia e spontanea.
Dante nel XXXIII Canto del Paradiso delinea in modo semplice ed esplicito la Sua figura spiegando mirabilmente e chiaramente l’azione dell’Amore di Dio:
“Vergine Madre, Figlia del tuo Figlio,
umile alta più che creatura,
termine fisso d’etterno consiglio,
tu s'è Colei che l’umana natura nobilitasti si,
che ‘l Suo Fattore non disdegnò di farsi sua fattura.
Nel Ventre tuo si raccese l’amore per cui caldo
nell’etterna pace così è germinato questo fiore....”

- In pochi versi mirabili c’è tutto.
- Il Padre è la Sorgente dell’Esistenza
- Il Figlio è tutta l’Esistenza – Io Esisto, L’esistenza una cosa sola con La Scaturigine dell’esistenza, Unica Salvezza.
- Maria è l’Immacolata Concezione, la Madre dell’ Identità
- – Figlia di Dio e Madre di Dio
- Isaia : Io sono il Signore, il Santo di Israele, il Vindice
- Io Esisto causa dell’Esistenza Signore su tutto, Redentore Gesù, Vindice l’Emmanuele
- Quello che è accaduto per noi circa 2000 anni fa’ è da prima dell'inizio...
Voi siete con me fin dall’inizio .- Prima che il mondo fosse Io Esisto - dice Gesù
-Maria è Il Primo Virgineo Spirito, Il Primo Santo Virgineo Spirito, Colei da cui nasce la Vita, Lei Genera Gesù, Dei Genetrix, L'Immacolata Concezione, quindi, come Essa stessa si è definita mirabilmente, Colei in cui nasce la Vita , Colei in cui viene Dio:
-Maria è quindi la Madre della Vita, la Madre di Dio, la Madre dei Viventi.
Lei è Beata in Mulieribus, infatti ella Grazia Plena, in un corpo necessariamente libero dalla embricazione con la macchia dovuta all’errore di origine, ripieno di Spirito Santo ha Generato Gesù, la Vita Eterna che viene nel mondo per redimerlo e solo Lei può far veramente Madri le donne.. Beata in Mulieribus...
-Vergine e Madre; non può essere altrimenti, è una cosa intrinseca con il Suo Essere Madre di Dio.
La Verginità vera è nel Vero corpo che è Spirituale e si trasfonde nella carne e vieppiù per Maria che come Donna nel mondo è Madre di Dio nel mondo, venuto in una "carne simile al peccato"
-Maria è la Regina degli Angeli e dei Santi, l’Imperatrice di tutto ciò che esiste.
Ella è Sposa dello Spirito Santo, quindi ha il Padre, la Sorgente della Vita in se, una cosa sola e non si è mai distaccato dal PADRE, così LA MADRE DELLA VITA, si accolga il termine consueto, è sempre rimasta nel “Seno del Padre”. Non nascerebbe nessun Figlio di Dio altrimenti.
Ora bisognerà capire chi è la Progenie che viene dal Sangue della donna che assurge alla Vita Eterna solo quando la Donna diviene Sposa dello Spirito Santo. (Is 49,16)

“Nessuno viene al Padre mio se non attraverso di me”
Giovanni - 10,9
Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo;
Giovanni - 14,6
Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Ella prende la nostra preghiera, le nostre intenzioni, le porge a Gesù e secondo il Suo giudizio, con la Sua Spada ci nomina Cavalieri. Dopo di questo si combatte dall’eternità nel mondo per la Vita, per Gesù ….
Ognuno ne sia consapevole, ognuno faccia del proprio meglio…

-La Vita è da Dio ed è Dio e non è del mondo e viene "In Maria".
- Maria è "beata nelle Donne" non "fra le donne" altrimenti quale vita, quale identità avrebbero i bimbi ?
Noi siamo Figli della Donna e diveniamo "Figli di Maria" , rinascendo dal perdono, liberi dal Peccato di Origine in virtù dell'opera dello Spirito Santo.
-Una cosa fondamentale, anche per la lettura delle sacre Scritture, è che il mondo è nel dominio del Tempo, gli eventi di Dio sono nella dimensione dell'Eternità.
II L.Pietro - 3,8-
…davanti al Signore un giorno è come mille anni e mille anni come un giorno solo
Giovanni - 17,7- “E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse.”
- S.Agostino afferma che Il Tempo è “distensio Animi”

La nascita di Gesù è la nascita di ogni Vita, la resurrezione di Gesù è la resurrezione dalla morte per il giudizio, per essere da Lui confermati o meno all’eternità se degni, o meno del dono della Vita.
-Dio ha concesso che nel grembo della Donna nascesse la Vita, ma attenzione la Vita è al centro dello Spirito ed è separata da esso pur essendo l'Identità della creatura ad opera dello Spirito Santo.
Con il Battesimo Dio viene a salvare superando l'abisso che ci separava da Lui e lo Spirito si Santifica, ecco
O... Dio-viene + , nel nostro Spirito ed è la Luce, la Sorgente per la quale non si abbisogna più di nulla, vieppiù di mangiare altre vite.
-Facci degni Maria, delle promesse di Cristo!.
-Esodo 32,33 “...alla mia venuta chiedo conto dei loro peccati”.
-Malachia 3,24 “...acciocchè Io venendo non colpisca il paese di sterminio”
-Levitico 11,44 “…Santificatevi dunque e siate santi, perché io sono santo; non contaminate le vostre persone con alcuno di questi animali
che strisciano per terra.”

- Opera Registrata - © Mauro Botarelli - Tutti i diritti riservati -